Caricamento...

Dopo l’intensa e feconda esperienza maturata e realizzata al Pitturello di Torre de’ Roveri con la Chiesa della Resurrezione, Arcabas accetta di immaginare, insieme all’architetto Renzo Pedrini, una cappella nell’antica stalla della Pèta a Costa Serina: nasce un gioiello.
Alla Pèta vi accoglie la Comunità Nazareth, comunità di vita e di accoglienza, con ristorazione, caseificio, allevamento di animali e agriturismo a tutti gli effetti.
Chi arriva alla Pèta trova tutto questo.
Più di un frequentatore dell’agriturismo, dopo un buon pasto, dopo quattro passi nei prati e nel misterioso bosco, ha espresso meraviglia e stupore per questo “angolo di paradiso”.
Ed un luogo particolare, creato su misura, aiuta a ritrovare pace nel cuore e a riconciliarsi con la propria vita e con il mondo: la cappella della Riconciliazione.
Una stalla trasformata in luogo di silenzio e di preghiera: anche Gesù è nato in una stalla!
Una parete tutta di pietra.
Sopra la porta d’ingresso si appoggia, su uno spuntone, la civetta. Uccello che vede nel buio della notte. Per i Padri della Chiesa simbolo di saggezza.
Sotto, una grande porta di caldo legno si apre ad accoglierti, ad avvolgerti in un clima rassicurante e pieno di speranza.
Al centro della cappella, una sedia per nostro Padre. Una sedia doppia. Su una si siede Lui ad aspettarmi.
Davanti a me una grande roccia, su cui i nostri avi hanno costruito la stalla. E un gorgoglio di acqua fresca: una sorgente fa scorrere un rigagnolo dalla roccia, a formare, più sotto, due piccoli laghetti.
I riverberi di luce proiettati sulle pietre delle pareti nel buio della notte sono affascinanti.
E sullo sfondo, maestoso, un grande quadro a raccontarmi di un Padre speciale: il Padre Misericordioso della parabola di Gesù.
A lato dell’altare, sulla porta da cui entravano gli animali nella stalla, una grande vetrata, esplosiva di colori e di significati.
Accanto alla sedia lo sguardo tenero di una giovane mamma, Maria di Nazareth. In questo quadro meraviglioso Maria è ancora una ragazzina e già il Padre buono e grande le chiede di aiutarlo a realizzare il suo sogno: incarnarsi, diventare uomo.

Torna in cima